I farmaci biosimilari come opportunita di razionalizzazione delle risorse per il servizio sanitario nazionale. Aspetti generali e risultati di una esperienza presso la Asl di Pavia

Autori: Giorgio L. Colombo, Mirosa Della Giovanna, Emanuele De Michiel, Michele Tringali

Introduzione

I farmaci biotecnologici rappresentano una delle novita terapeutiche piu rilevanti di questi ultimi anni sia per il loro impatto terapeutico su molte patologie, sia perché hanno aperto nuove strade per interventi farmacologici innovativi. In tale contesto la presenza dei farmaci biosimilari rappresentano un’autentica “innovazione economica”, alla luce dell’attuale politica di efficienza nel contenimento dei costi.

Materiali e metodi

e stato svolto un progetto presso il Dipartimento “Governo della Rete Distrettuale e del Farmaco” dell’ASL di Pavia, in cui sono state analizzate alcune strategie per favorire la diffusione e l’utilizzo dei farmaci biosimilari. Tra novembre 2012 e giugno 2013 sono stati organizzati incontri di sensibilizzazione dei medici di medicina generale e degli oncologi del territorio pavese per quanto riguarda la promozione e la prescrizione dei farmaci biosimilari. Successivamente si e andato a monitorare nel corso del 2013 e nel 2014, l’eventuale cambiamento prescrittivo a favore dei biosimilari valutando la eventuale riduzione della spesa farmaceutica nel territorio pavese. Sono state considerate 3 aree terapeutiche: fattori di crescita, epoietina ed ormone della crescita. Inoltre e stata monitorata la spesa farmaceutica del 2013 relativa sempre alle tre aree terapeutiche in esame.

Risultati

A seguito degli incontri formativi di novembre 2012 e giugno 2013 si sono registrati degli incrementi per quanto riguarda le prescrizioni di principi attivi biosimilari nell’area fattori di crescita leucocitari e nell’area epoietina. Per quanto riguarda invece l’area ormone della crescita non e stata registrata una scelta prescrittiva nella direzione del biosimilare.

Discussione

I risultati ottenuti e l’esperienza di “moral suasion” attuata dalla Asl per far conoscere ed orientare l’attivita dei medici appare positiva in termini di potenziale riduzione di spesa, anche se queste iniziative, se non accompagnate da successivi strumenti di premio/incentivo sui prescrittori, rischiano nel lungo termine, di perdere molto della propria capacita di incidere sui comportamenti prescrittivi e quindi sulla spesa finale.

Keywords

Biosimilari, farmacoeconomia, economia sanitaria, spesa farmaceutica.

Download

Visualizzazioni Totali: 992

Condividi: