Percorso Diagnostico Terapeutico del paziente affetto da malattia veno-occlusiva severa (sVOD)

Autori: S. Sica, A. Biffi, E. Calore, A. Olivieri, A.M. Carella, S. Tringali, G.M. Bruno, M.C. Valentino, S. Di Matteo, C. Martinotti, G.L. Colombo

Premessa

La complessa organizzazione delle cure sanitarie puo talvolta richiedere modalita diverse di approccio ai problemi clinici, e puo comportare il rischio di una scarsa comunicazione tra i membri dell’equipe, con l’insorgenza di difficolta nella continuita della cura del paziente e nell’integrazione tra le diverse figure professionali coinvolte nel percorso terapeutico: tutte condizioni che possono facilitare la possibilita di errore.

Il presente documento contiene le informazioni per la pianificazione delle indagini e per l’erogazione delle cure nei pazienti affetti dalla malattia veno-occlusiva del fegato (Veno-Occlusive Disease, VOD). Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) e un processo sanitario dedicato alla diagnosi di un problema clinico, al suo trattamento e all’assistenza dei pazienti affetti, che permette l’integrazione tra differenti ambiti assistenziali e i professionisti che intervengono nel percorso di cura.

Scopo del presente documento e quello di identificare una procedura operativa standardizzata al fine di migliorare la qualita delle cure erogate al paziente affetto da VOD. Il percorso diagnostico-terapeutico del paziente affetto da VOD si configura come uno strumento, nato all’interno di un gruppo di lavoro, per condividere gli obiettivi singoli e comuni, i ruoli e i compiti dei vari specialisti coinvolti, i tempi e gli ambiti degli interventi di cura. Il presente PDTA consente, quindi, una completa presa in carico del paziente affetto da VOD.

I criteri che hanno determinato la scelta di realizzare un PDTA sulla VOD sono i seguenti:

  • impatto della VOD sull’outcome del paziente sottoposto a trapianto di cellule staminali ematopoietiche (prevalenza, incidenza e mortalita associata alla VOD);
  • impatto sulla rete familiare;
  • variabilita e disomogeneita delle prestazioni di cura;
  • semplificazione clinica/assistenziale;
  • impatto economico.

Il gruppo di lavoro, mediante il PDTA sulla gestione del paziente affetto da VOD, si pone i seguenti obiettivi:

  • individuazione precoce del paziente con sospetta diagnosi di VOD;
  • avvio immediato degli accertamenti diagnostici;
  • presa in carico del paziente affetto da VOD;
  • valutazione degli esiti di cura;
  • realizzazione di strumenti di valutazione obiettivi e riproducibili; confronto con altre realta italiane;
  • analisi dei costi della malattia.

Per la stesura del PDTA del paziente affetto da VOD hanno collaborato tutte le figure professionali sopracitate. Sono stati inoltre organizzati incontri ed eventi formativi che hanno contribuito allo sviluppo del PDTA. Inoltre, con cadenza mensile, si sono svolti dei focus group tra le figure sanitarie principalmente coinvolte nel processo.

Keywords

malattia veno-occlusiva severa, (sVOD).

Download

Visualizzazioni Totali: 48

Condividi: