L’iperuricemia cronica con e senza deposito di urato. Progetto ARTU – Appraisal board Round Table for Uricemia, Padova

Autori: E. Manzato, R. Castello, E. De Menis, L.A. Sechi, R. Colucci, M.L. Bonincontro, A. Mazza, G.M. Bruno, S. Di Matteo, C. Martinotti, M.C. Valentino, G.L. Colombo

Background

L’iperuricemia cronica con e senza depositi di urato monosodico e una patologia sistemica. Puo contribuire all’insorgenza di diverse complicanze, quali la sindrome metabolica, patologie cardiovascolari ed insufficienza renale. Si calcola che, solo nello Stato italiano, circa 1 milione di cittadini sia affetto da questa patologia. L’alta prevalenza della stessa fa porre l’accento su alcune tematiche cardine. Un tema fondamentale e rappresentato dalla necessita di stabilire linee guida uniformi all’interno del territorio nazionale, volte al miglioramento della diagnosi e cura del dismetabolismo. Tali problematiche sono emerse durante uno degli incontri, tenutosi a Padova, per lo sviluppo del progetto ARTU – Appraisal board Round Table for Uricemia. Quest’ultimo rappresenta uno spazio di lavoro interdisciplinare in cui e valutato il quadro attuale della gestione del paziente con iperuricemia. Lo scopo del progetto e quello di migliorare l’approccio alla patologia, mirando a gestire al meglio le risorse terapeutiche ed economiche a disposizione del clinico. L’incontro ha avuto come temi fondamentali l’analisi delle caratteristiche fisiopatologiche del paziente, l’approccio terapeutico, l’analisi di eventuali PDTA, la valutazione degli aspetti critici connessi all’applicazione delle linee guida nella pratica clinica, e il ruolo dell’aderenza alla terapia.

Download

Visualizzazioni Totali: 41

Condividi: