Page 4 - 16_2021_49-66
P. 4

   ment potential in the field of chronic disease management and improvement of therapeutic adherence. To narrow the field, the study considered the evidence relating to the ap- plication of these tools to the treatment of insomnia and diabetes. For this purpose were consulted scientific search engines, such as Google Scholar and PubMed, and citation- al databases, such as Scopus, which made it possible to analyze various papers published in peer reviewed scien- tific journals, among which some review studies including meta-analysis.
RESULTS
Digital therapies applied to chronic insomnia have proven to be safe and effective on all clinically relevant outcomes, and their large-scale application leads to actual savings in primary care costs. In the context of diabetes, these ther- apies are associated with a significant reduction in gly- cated hemoglobin levels, an improvement in adherence to therapies and glycemic control. Many digital tools have also been developed in order to improve the therapeutic adherence of the chronically ill, which is a priority of health systems around the world, with encouraging results. How- ever, digital therapies have not yet entered mainstream healthcare also due to some cultural obstacles, such as the lack of widespread digital literacy in the population and the poor knowledge of these tools even by professionals. In general, the strategies that appear to improve adherence to therapies include self-monitoring and self-management programs, but also simplified dosing regimens and direct involvement of pharmacists. Encouraging signals come from the pharmacy system, consisting of project propos- als aimed at taking charge of the compliance of its cus- tomers-patients.
CONCLUSIONS
Given the data discussed, digital therapies could represent an important opportunity to improve the clinical manage- ment of serious diseases and to reduce their health and social costs also in our country. In Europe, and specifically in Italy, it is believed that the increase in the use of these tools and the consequent growth of their market will be conditioned by the development of models capable of al- lowing widespread access and reimbursement by public health services, but also to ensure adequate knowledge by patients and health professionals.
 il contributo delle terapie digitali e il loro potenziale di svi- luppo nell’ambito della gestione delle malattie croniche e del miglioramento dell’aderenza terapeutica. Volendo re- stringere il campo ad alcune aree, sono state analizzate le evidenze relative all’applicazione di questi strumenti al trattamento dell’insonnia e del diabete. A tale scopo, sono stati consultati motori di ricerca scientifica come Google Scholar e PubMed e banche dati citazionali come Scopus, che hanno consentito di analizzare diversi paper pubblicati su riviste scientifiche peer reviewed, tra cui alcuni studi di revisione comprensivi di meta-analisi.
RISULTATI
Le terapie digitali applicate all’insonnia cronica hanno di- mostrato di essere sicure ed efficaci su tutti gli outcome clinicamente rilevanti, e la loro applicazione su larga scala determina un risparmio effettivo nei costi delle cure prima- rie. Nell’ambito del diabete, queste terapie si associano a una significativa riduzione dei livelli di emoglobina glicata, nonché a un miglioramento dell’aderenza alle terapie e del controllo glicemico. Moltissimi strumenti digitali sono stati inoltre sviluppati ai fini di migliorare l’aderenza tera- peutica dei malati cronici, che rappresenta una priorità dei sistemi sanitari di tutto il mondo, con risultati incoraggian- ti. Tuttavia, le terapie digitali non sono ancora entrate nel mainstream healthcare anche a causa di alcuni ostacoli di ordine culturale, quali la mancanza di una alfabetizzazione digitale diffusa nella popolazione e la scarsa conoscenza di questi strumenti anche da parte degli addetti ai lavori. In generale, le strategie che sembrano migliorare l’aderenza alle terapie comprendono i programmi di auto-monitorag- gio e di auto-gestione, ma anche i regimi semplificati di dosaggio e il coinvolgimento diretto dei farmacisti. Proprio dal sistema farmacia provengono dei segnali incoraggian- ti, che consistono in proposte progettuali mirate alla presa in carico della compliance dei propri clienti-pazienti.
CONCLUSIONI
Alla luce dei dati discussi, le terapie digitali potrebbero rappresentare un’occasione importante per migliorare la gestione clinica di importanti patologie e di ridurre i loro costi sanitari e sociali anche nel nostro Paese. In Europa, e in particolare in Italia, si ritiene che l’incremento nell’uti- lizzo di questi strumenti e la conseguente crescita del loro mercato sarà condizionata dallo sviluppo di modelli in gra- do di consentire accesso diffuso e rimborso da parte dei servizi sanitari pubblici, ma anche di garantire un’adeguata conoscenza delle terapie digitali da parte dei malati e dei professionisti della salute.
50 G.L. Colombo et al. / CLINICO ECONOMICS ITALIAN ARTICLES ON OUTCOMES RESEARCH / VOL 16 / ANNO 2021 / PAG. 49-66
























































































   2   3   4   5   6